BOSNIA!!! QUANDO IL PIANTO DISPERATO PRENDE IL POSTO DI OGNI PAROLA!!! VI PREGO MASSIMA DIFFUSIONE!!!

GUARDAMI!!!

Fino a ieri non avevo un nome.

Fino a ieri non avevo un destino che non fosse la morte.

Fino a ieri non avevo nessuno che vegliasse su di me.

Sono un cucciolo come tanti altri, un cucciolo come troppi altri qui in Bosnia.

Nasciamo e moriamo, nasciamo e moriamo, nasciamo e moriamo…tutto con una velocita’ mostruosa e spaventosa.

Io sono nato quattro mesi fa nelle strade di Sarajevo. Non mi ricordo chi fosse la mia mamma, non  mi ricordo se avevo fratelli. Non ricordo nulla. Da quando sono nato i miei ricordi sono stati stati solo due: la fame e la paura.

Quattro mesi fa le strade di Sarajevo erano sepolte di neve. Siamo in tanti a vagare disperati alla ricerca di un riparo, alla ricerca di qualcosa da mangiare, alla ricerca di un giorno in piu da vivere.

Vaghiamo nella disperazione piu completa, ogni giorno veniamo decimati dalla malattia, dal freddo, dalla fame, dalle fucilate degli uomini e dalle aggressioni di tutti. Ogni giorno per noi cagnolini bosniaci e’ una battaglia contro il mondo, battaglia che quasi sempre perdiamo.

La mia storia e’ terribile, tanto quanto tante altre storie.

Ma mentre le altre storie parlano di cuccioli e cagnolini maltrattati e uccisi per mano dell’uomo, la mia e’ ancora piu terribile perche non e’ stato l’uomo a farmi del male: io sono una piccola vittima del mio mondo! E questo e’ ancora piu agghiacciante!!

La fame e la disperazione mi sono state fatali. Io piccolissimo cuccioletto di tre kg, tutto pelle e ossa, disperato e solo, vagavo per le strade di Sarajevo alla riceca di qualcosa, non ricordo nemmeno io cosa, cibo???? Io ormai stremato e rassegnato vedo qualcosa che potrebbe sembrare ai miei occhietti di cucciolino ormai allo stremo, un pezzetto di pane rancido, mi avvicino con le pochissime forze che mi rimangono ma in quel momento un’ombra si avventa su di me, colpevole di avere cercato cibo in luogo nemico.

Un cane enorme, disperato quanto me, allo stremo quanto me si avventa sul mio corpicino di cucciolino disperato.

E mi agguanta. Con la sua bocca affamata, con la forza della sua disperazione, con i denti che da troppi giorni desiderano masticare qualcosa per placare la fame..

E in quel momento sento la vita che mi abbandona per sempre. Mi ritrovo senza respiro, senza forze, senza pensieri ne sogni in un lago di sangue. E mentre vedo la vita allontanarsi da me sento una mano che mi prende, io piccolo scricciolo di tre kg….sento un dolore che mi taglia il respiro…sento una voce, sento calore poi non sento piu nulla….

Mi risveglio in un posto sconosciuto, ho paura, ho fame, ho tanto dolore non riesco a muovermi non riesco a respirare…forse e’ il ponte dell’arcobaleno??? Ci sono persone intorno a me…non so cosa stia succedendo io sono troppo piccolo per capire…

Un uomo si avvicina e mi guarda…per la prima volta non vedo odio…questo signore mi accarezza il pancino e mi dice di non avere paura.

QUESTO SIGNORE BUONO MI DICE CHE SONO VIVO SOLO PER MIRACOLO, CHE IL CANE CHE MI HA AGGREDITO MI HA SPEZZATO LA SPINA DORSALE. E MI DICE CHE PURTROPPO IN BOSNIA NESSUNO POTRA’ MAI FARE QUALCOSA PER ME. E CHE L’UNICO MIO DESTINO SARA’ ESSERE SOPPRESSO. MA QUESTO SIGNORE BUONO NON ACCETTA CHE UN PICCOLISSIMO CUCCIOLO DI QUATTRO MESI SACRIFICHI IN QUESTO MODO INDEGNO LA SUA VITA E CHIEDE AIUTO AGLI ANGELI DI SAPA U SRCU, L’UNICA ASSOCIAZIONE DELLA BOSNIA IN GRADO DI AFFRONTARE QUESTA EMERGENZA.

Gli angeli di Sapa u srcu sono sommersi dalle mille emergenze ma appena ricevono il messaggio del signore di Sarajevo non hanno dubbi: DECIDONO CHE DEVO ASSOLUTAMENTE VIVERE, DEVO ASSOLUTAMENTE PROVARCI!!!!.

ED ECCO CHE 24 ORE DOPO IL NOSTRO PICCOLINO RIBATTEZZATO DRAGAN ARRIVA IN ITALIA GRAZIE A UNA CORDATA DI SOLIDARIETA’ DI VOLONTARIE ITALIANE E BOSNIACHE CHE LO PORTANO IN STALLO A MODENA.

MA DRAGAN NON E’ SALVO. ORA PER LUI COMINCERA’ UN ITER DI VISITE A PARTIRE DALLA RISONANZA MAGNETICA FINO A UN POSSIBILE INTERVENTO CHE SPERIAMO GLI POSSA PERMETTERE UNA VITA IL PIU NORMALE POSSIBILE. MA NULLA E’ GARANTITO, PER LUI LA DIAGNOSI POTREBBE ANCHE ESSERE LA PARALISI TOTALE.

DRAGAN E’ UN CUCCIOLINO MERAVIGLIOSO, PIENO DI VOGLIA DI VIVERE, ENUSIASTA BELLISSIMO SOFFICISSIMO AFFETTUOSISSIMO TENERISSIMO E COCCOLONE ORA CHE HA SCOPERTO L’AMORE. E’ PICCOLISSIMO, PESA SOLO 4 KG E HA 4 MESI SARA’ UNA FUTURA TAGLIA MEDIO PICCOLINA. DRAGAN HA IL TRONCO POSTERIORE COMPLETAMENTE PARALIZZATO ED E’ COSTRETTO A PORTARE UN PANNOLONE PERCHE NON HA CONTROLLO DELLE SUE FUNZIONI. HA UN POCHINO DI SENSIBILITA’ IN UNA ZAMPINA E NELLA CODINA E CI AGGRAPPIAMO A QUESTA FLEBILE SPERANZA PER PENSARE DI POTERLO SALVARE DA QUESTA MORTE ORRIBILE E SOLI 4 MESI DI VITA!!!!!!!!!!!!!

PER LUI ABBIAMO BISOGNO DI OGNI COSA. SOLO LA RISONANZA MAGNETICA CI COSTERA’ 500 EURO E SARA’ SOLO L’INIZIO. ANCORA NON SAPPIAMO CHE TIPO DI OPERAZIONE SARA’ NECESSARIA E CON CHE MARGINE DI SUCCESSO MA PER IL MOMENTO NON RIUSCIAMO NEMMENO A IPOTIZZARLA DATA LA MANCANZA DI FONDI CHE NON CI PERMETTONO DI ANDARE AL DI LA’ DI UNO STALLO TEMPORANEO A PAGAMENTO PER LUI…OGNI GIORNO DI ATTESA PER LUI E’ UNA POSSIBILITA’ IN MENO CHE POSSA TORNARE A CAMMINARE MA NON SAPPIAMO DA DOVE COMINCIARE A CHIEDERE AIUTO.

IN QUESTO MOMENTO DRAGAN E’ A MODENA, VORREMMO CHE POTESSE RESTARE NELLO STALLO DOVE SI TROVA ORA PERCHE SI E’ GIA’ AFFEZIONATO MORBOSAMENTE A SILVIA CHE LO OSPITA E UN ULTERIORE DISTACCO IN QUESO MOMENTO LO GETTEREBBE NELLA DISPERAZIONE TOTALE E POTREBBE COMPROMETTERE OGNI POSSIBILITA’. AIUTATECI A DARGLI UN’OPPORTUNITA. PERMETTENDOCI DI PAGARGLI RISONANZA MAGNETICA ED EVENTUALI CURE E OPERAZIONE IN EMILIA ROMAGNA COSICCHE NON DEBBA SUBIRE UN ULTERIORE TRAUMA AFFETTIVO OLTRE CHE FISICO!!!

DRAGAN VI RINGRAZIA CON TUTTO IL SUO PICCOLO CUORICINO BOSNIACO.

LA SUA VITA E’ NELLE MANI DI TUTTI NOI!!

PER AIUTARE DRAGAN

 iban intestato a Clara bonetti IT 78G 03069 0952 4100000011617
postepay intestato a vedrana mijatovic  4023 6006 1232 8585 – cf MJT VRN 69D42 Z118M

Annunci

A….a…a..cercasi – Appello A.A.E.


I recuperi di Animali Esotici da parte dei volontari di AAE sono sempre più frequenti e la gestione degli animali in carico sempre più onerose. Chiediamo di sostenerci in qualunque modo, con offerte in denaro o di articoli che possano essere usati per accogliere gli animali ospitati o in cura presso i volontari AAE.

Cerchiamo qualunque tipo di donazione:

  • fieno
  • mangime (anche in via di scadenza o in confezioni difettose e non vendibili)
  • lettiere,gabbie,anche difettose e non vendibili o usate, ( per conigli, degu,ratti,criceti, roditori,volatili ec…)
  • rettili, ( terrari,serpentine,lampade,ecc…)
  • e vari articoli utili per la gestione quotidiana

Avremmo anche bisogno di una stanza/magazzino dove riporre il materiale in alcune località se potete offrirci una stanza,un garage,un magazzino dove stanziare il materiale raccolto nelle varie località nazionali,ci organizzeremo per nuove raccolte.

info@aaeconigli.it
SOS. 346-3197367 dopo le 19.30

Associazione Animali Esotici
Sez.Conigli e Cavie

http://www.aaeconigli.it
http://www.aaecavie.it
1° St. Chapter in Europe HRS
http://www.rabbit.org

La denominazione di “Animali Esotici”, che ha derivazione inglese (exotic animals), comprende tutte le specie animali non autoctone, importate in Italia, nonché i cosiddetti “animali da compagnia non convenzionali”, come ad esempio conigli, cavie, criceti e furetti, sempre più diffusi nel nostro paese.
Secondo alcuni dati Eurispes del 2004, il coniglio è statisticamente il terzo animale da compagnia più presente nelle case degli italiani. Seguono 1.000.000 di tartarughe d’acqua dolce, 500.000 roditori, 50.000 iguane, 20.000 pappagalli, 10.000 serpenti e circa 500.000 altri animali esotici.